La «Bacchelli» a Zeichen

La «Bacchelli» a Zeichen

Al poeta Valentino Zeichen, 78 anni, socio del Pen Italia, il Consiglio dei ministri ha assegnato il vitalizio, conosciuto come «Legge Bacchelli», di 24mila euro all’anno. La proposta si deve al senatore Luigi Manconi, sollecitato da alcuni amici di Zeichen, dopo che il poeta circa un mese addietro, era stato colpito da un ictus mentre si trovava in un supermercato romano. Anche se sollecitato più volte, Valentino Zeichen non aveva mai voluto chiedere l’applicazione della «Bacchelli», la quale prevede un vitalizio per quanti si siano distinti nel mondo della cultura e che versano in condizioni di indigenza. Fra quanti ne hanno usufruito sinora, Anna Maria Ortese, Gavino Ledda, Alda Merini, Dario Bellezza, Aldo Rosselli, Guido Ceronetti, Julia Dobrovolskaja.

Potrebbe interessarle